Passa ai contenuti principali

Post

In primo piano

Via da qui, verso la notte

Sono in metropolitana. Ascolto Giuni Russo della quale ricorre l'anniversario della sua morte. "Chissà in quanti ricordano in questi giorni le sue canzoni" - penso tra me e me mentre il vagone sferraglia, i freni mordono i binari per la banchina prossima, sotterranea.
"Ti ho scritto già una cartolina
e penso ancora ai miei parenti
che svernavano a Rapallo, insieme.
Good good-bye, Amsterdam!"

Quanti anni saranno passati da queste sperimentazioni? 30 anni? Forse di più. E il mondo è completamente cambiato. Noi siamo completamente cambiati. In quegli anni sbarcava Senna in Formula Uno e si insediava il primo Governo socialista della storia italiana, con Craxi a Palazzo Chigi e i democristiani saldamente agli Esteri, li peggio mortacci loro. Credo che ancora andassero di moda i Levi's e la "strategia della tensione" aveva ceduto il passo ai led e ai neon delle balere. Sulle scale mobili sembriamo un branco di pesci pilota, in direzione ostinata seguendo…

Ultimi post

E non rimane che un’ombra e un pianto

Un incontro familiare

"Ha perfettamente ragione."

Cicli.

25 Dicembre.

Non hanno potuto.

Le giornate felici del diospiro.

(Stream of consciousness IX) Deserto. Resistenza. Organizzazione.

Una domanda e tre momenti.

Il Futuro interessa anche ad un cervello gravato dal Passato.